Sabato, 17 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Argentina, tango in crisi; il Mondiale si tiene virtualmente

Questa domenica i vincitori, scrutinati in video

Roma, 27 ago. (askanews) - Il Covid non ferma il tango argentino, ma lo confina al mondo virtuale; il Mondiale che si tiene a Buenos Aires ogni agosto fra lezioni, concerti, chiacchiere e le gare di coppia, questa settimana si conclude online. Per Veronica Pascual e Sergio Saucet, compagni anche nella vita, è stata l'occasione per ritrovarsi nell'abbraccio della danza.

"Se fai un video, i giudici hanno più occasione di dire ah vedi un po', qui c'è il piede storto, torna indietro. Se stai danzando in sala e non vai a tempo per un momento e la giuria non se ne accorge perfetto; ma qui non si può sbagliare nulla. E' più difficile".

I concorrenti infatti partecipano inviando i loro video, una modalità che a molti non piace; e i concerti che accompagnano il mondiale si sentono per via virtuale. L'orchestra Rantifusa ha deciso di partecipare lo stesso, nonostante qualche dubbio; perché, spiega la cantante Natalia Martìnez: "Certamente le condizioni non sono buone, né tecniche, né economiche e c'eano molti disaccordi, ma partecipiamo perché ci sembra giusto occupare questo spazio, per le donne e per la nostra proposta artistica".

Il tango è vita in Argentina, è anima e corpo. Ma non è solo la versione virtuale invece che sulle piste da ballo a suscitare perplessità; molti non hanno partecipato per protesta, per reclamare finanziamenti a questa arte nazionale, bloccata dal Covid-19. Come chiede Julio Bazòn, presidente dell'associazione degli organizzatori di Milonga a Buenos Aires, qui nello storico Club Gricel, chiuso da cinque mesi per la pandemia.

"Come è possibile che non si diano risorse ai lavoratori, alle milonghe per curare i loro spazi, alle compagnie di ballo, ai musicisti, alle orchestre, ai cantanti, ai maestri? Ci deve essere una forma di supporto. Noi teniamo vivo il tango, questa è la verità, e lo diffondiamo nel mondo intero!"

Si parla di

Video popolari

Argentina, tango in crisi; il Mondiale si tiene virtualmente

Today è in caricamento