Mercoledì, 12 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

AstraZeneca, Ciccozzi: stop della Danimarca è decisione politica

"Su J&J non la farmacovigilanza ha funzionato, ora valutazione"

Roma, 14 apr. (askanews) - Lo stop momentaneo del vaccino Johnson & Johnson, arrivato il 13 aprile con le prime dosi a Pratica di Mare, ma in attesa di decisioni della Fda americana, dell'Ema a Bruxelles e dell'Aifa in Italia, è un segnale che la farmacovigilanza funziona. Ma nell'arco di qualche giorno, la situazione si sbloccherà. Ne è convinto il professor Massimo Ciccozzi, epidemiologo del Campus Biomedico di Roma:

"Innanzitutto guardiamo il rovescio della medaglia: significa che la farmacovigilanza funziona e questo ci fa piacere, perché siamo sicuri di essere tutelati. Non si fanno le cose tanto per fare. J&J è quanto abbiamo già vissuto con AstraZeneca. Abbiamo un caso per milione, un evento rarissimo. È giusto che l'Fda l'abbia per il momento sospeso, in seguito a 6 casi su 7 milioni di dosi somministrate. È giusta la sospensione. Ovviamente adesso va valutato che ci sia un nesso causale e non temporale, come fatto e visto per AstraZeneca. Magari in qualche giorno verrà sdoganato anche questo vaccino".

Uno stop che però crea non poco caos, a cui si va ad aggiungere la già caotica situazione su AstraZeneca: "Noi dobbiamo affidarci a queste agenzie regolatorie, perché sono le uniche che hanno in mano i dati dei trial vaccinali, hanno la situazione sotto mano. Ovviamente se hanno pensato di riservarlo ai 60 anni in poi è perché si è pensato che il rischio trombotico sia maggiore comunque nelle altre fasce di età e per le donne. Escludendo queste fasce è una sicurezza ancora in più".

Quali le categorie a rischio per i vaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson? "Le categorie a rischio sono le persone molto fragili, persone che sono in qualche modo geneticamente predisposte a una tromboembolia. Magari su queste persone ci si pensa un pochino".

Intanto la Danimarca ha deciso la sospensione definitiva di AstraZeneca: "È una decisione prettamente politica della Danimarca. Noi non l'abbia sospeso. Teniamo conto che loro sono anche di meno, come popolazione. Potrebbero aver valutato in base a questo, in attesa di altri vaccini".

Servizio di Serena Sartini

Montaggio di Claudia Berardicurti

Immagini di askanews

Si parla di

Video popolari

AstraZeneca, Ciccozzi: stop della Danimarca è decisione politica

Today è in caricamento