Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Azzolina: rischio zero non c'è, fondamentale senso responsabilità

"Sulla scuola ho letto cose ingiuste. Sui banchi corbellerie"

 

Roma, 8 set. (askanews) - "Siamo consapevoli del fatto che il rischio zero non esiste, anche a scuola. Proprio per questo sono fondamentali il senso di responsabilità e il rispetto delle Linee guida e dei Protocolli emanati con le autorità sanitarie competenti" ha ribadito la ministra dell'Istruzione, Lucia Azzolina, in audizione davanti alla commissione Istruzione del Senato sulla riapertura delle scuole in sicurezza. Il 14 settembre per la maggior parte degli istituti del Paese.

La scuola è già ripartita e le nostre studentesse e i nostri studenti in parte sono già tornati in classe - ha detto Azzolina - abbiamo letto, in questi ultimi giorni, racconti ingiusti a carico della scuola. Titoli che fanno riferimento a docenti che non volevano sottoporsi al test sierologico, che non volevano svolgere i percorsi di integrazione e recupero degli apprendimenti, che volevano dichiararsi lavoratori fragili in massa per non tornare in aula. Niente di più falso".

Azzolina ha sottolineato che "sulla scuola si fanno troppe semplificazioni e narrazioni al ribasso che rischiano di danneggiare una intera categoria, come quella dei docenti". La stagione dei tagli alla scuola è finita, ha detto: "Solo per la ripartenza di settembre il governo ha stanziato oltre 2,9 miliardi", rivendicando gli sforzi per la riapertura.

E sulla questione dei banchi monoposto che hanno scatenato polemiche ha commentato: "Ho letto diverse corbellerie in queste settimane. Un dibattito quasi surreale sui banchi. Cifre date a caso, anche rispetto ai costi". "Lo Stato, per la prima volta, si è preso la responsabilità di sostenere le scuole aiutandole a rinnovare gli arredi". E ha garantito che "entro la fine di ottobre ogni scuola avrà quelli che ha richiesto".

Infine la questione docenti: la ministra ha detto che sono stati banditi 78mila posti per nuovi insegnanti. Da ottobre ripartiranno i concorsi.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento