rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022

Bielorussia, Maria Kolesnikova arrestata al confine ucraino

Ultima di 3 figure femminili dell'opposizione ancora in patria

Minsk, 8 set. (askanews) - La crisi in Bielorussa si aggrava, Maria Kolesnikova esponente di spicco dell'opposizione contro il presidente Alexander Lukashenko secondo i media è stata arrestata al confine con l'Ucraina. Altri due oppositori invece sono stati in grado di lasciare il paese.

L'oppositrice è l'ultima delle tre donne che avevano guidato il fronte contro Lukashenko rimasta in Bielorussia, e altre due, Svetlana Tikhanovska a e Veronika Tsepkalo, sono dovute andare in esilio. Secondo altre testimonianze la Kolesnikova era stata invece portata via lunedì mattina a Minsk da un commando di uomini incappucciati, che l'avevano fatta salire su un minibus.

Intanto la polizia bielorussa ha annunciato di aver effettuato oltre 600 arresti durante la massiccia manifestazione dell'opposizione a Minsk domenica contro la rielezione all'inizio di agosto del presidente Alexander Lukashenko per aver violato la legge sugli eventi di massa.

Si parla di

Video popolari

Bielorussia, Maria Kolesnikova arrestata al confine ucraino

Today è in caricamento