Lunedì, 8 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Bielorussia, primo giorno sciopero nazionale: centinaia di fermi

Scaduto "l'ultimatum del popolo", ieri 523 arresti

Milano, 26 ott. (askanews) - "L'umore dei lavoratori è critico" e più di 100 persone sono già state arrestate. Ecco cosa sta succedendo in Bielorussia oggi, nel primo giorno di sciopero nazionale.

I lavoratori delle più grandi imprese del Paese, nonchè gli studenti bielorussi hanno iniziato a protestare dopo che Svetlana Tikhanovskaya ha invitato i bielorussi a unirsi allo sciopero nazionale, iniziato dopo che le autorità non hanno rispettato l' "ultimatum del popolo": ossia cedere il potere entro la mezzanotte. Le imprese insistono affinché il lavoro continui. Ma l'opposizione vuole le dimissioni del presidente Aleksandr Lukashenko, in sella da 26 anni.

Già ieri la polizia in Bielorussia ha arrestato 523 persone durante le proteste antigovernative, 160 nella capitale Minsk.

Enigmatico il commento di Mosca, che aveva già promesso al leader di Minsk appoggio. Il Cremlino, per bocca del portavoce Dmitry Peskov ha rifiutato di dare qualsiasi consiglio a Lukashenko: "Ogni consiglio sarebbe un tentativo di interferire, cosa che non abbiamo fatto e non faremo". Intanto dall'Ue si esprime preoccupazione per la violenza sui manifestanti, dopo la consegna del premio Sakharov al popolo bielorusso.

Si parla di

Video popolari

Bielorussia, primo giorno sciopero nazionale: centinaia di fermi

Today è in caricamento