Mercoledì, 3 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Birmania, manifestanti protestano davanti all'ambasciata cinese

A Rangoon. Chiedono intervento dell'esercito americano

Roma, 15 feb. (askanews) - "Abbiamo bisogno dell'esercito americano per salvare la nostra situazione", e "Se la Cina sostiene il golpe allora è una cospirazione": sono tra le scritte che si potevano leggere sui cartelli e striscioni di alcuni dei manifestanti contrari al colpo di Stato militare in Birmania radunati davanti all'ambasciata cinese a Rangoon.

All'inizio del mese, Pechino ha chiesto a tutte le parti coinvolte di "risolvere le loro divergenze" dopo la presa del potere da parte dell'esercito e l'arresto della leader democraticamente eletta Aung San Suu Kyi.

La Birmania è essenziale nel progetto cinese della "Nuova via della seta", un'iniziativa del presidente cinese Xi Jinping da 1000 miliardi di dollari per progetti marittimi, ferroviari e stradali in Asia, Africa ed Europa.

Si parla di

Video popolari

Birmania, manifestanti protestano davanti all'ambasciata cinese

Today è in caricamento