Giovedì, 6 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Blinken in Europa, battesimo del fuoco al quartier generale Nato

"L'America è tornata al tavolo delle trattative"

Milano, 24 mar. (askanews) - "L'America è tornata al tavolo delle trattative". In una settimana molto particolare - una specie di manifesto della visione geopolitica della presidenza di Joe Biden, con chiari messaggi a Russia e Cina - il viaggio del segretario di Stato americano Antony J. Blinken a Bruxelles, presso il quartier generale della Nato, oltre ad essere l'ennesimo segnale di inversione di tendenza rispetto al passato di Trump, è stato anche l'occasione di un primo incontro nelle vesti di nuovo capo della diplomazia statunitense con una serie di ministri degli Esteri del Vecchio continente, a partire dall'italiano Luigi Di Maio.

In base a quanto commentato dal Dipartimento di Stato in un successivo briefing, "l'Italia, ovviamente, è un alleato importante, molto coinvolto in Afghanistan e in altre questioni Nato, uno dei nostri più antichi alleati".

Secondo il portavoce Ned Price, Blinken ha sottolineato l'importanza del duraturo partenariato tra Stati Uniti e Italia. I due hanno inoltre discusso del lavoro che Stati Uniti e Italia stanno intraprendendo insieme per rivitalizzare la Nato, compreso il sostegno a Nato 2030, e come parte degli sforzi della Coalizione Globale per sconfiggere l'Isis. Hanno anche condiviso opinioni sulle sfide della Cina, sul futuro dell'Alleanza Nato in Afghanistan e sul modo migliore per sostenere la riforma politica in Libia.

Sempre di Libia, ma anche di Iran, Afghanistan e Yemen Blinken ha discusso con i suoi omologhi di Francia, Germania e Regno Unito. Sempre in ambito Nato, Blinken ha incontrato successivamente il ministro degli Esteri turco Mevlut Çavusoglu. Il segretario di Stato americano ha esortato la Turchia a non mantenere il sistema di difesa aerea russo S-400, ha espresso preoccupazione per il ritiro della Turchia dalla Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica, e ha sottolineato l'importanza delle istituzioni democratiche e del rispetto dei diritti umani.

Poi dopo lo scambio di battute tra Biden e Vladimir Putin, Blinken torna su Mosca. "Penso - ha dichiarato - che tutti ci aspettiamo che le nostre relazioni con la Russia rimangano una sfida nel prossimo futuro, ma è quella per cui siamo preparati. In definitiva, penso che ciò che possiamo sperare sia avere un rapporto con la Russia che sia almeno prevedibile e stabile".

E anche sulla Cina, l'invito agli Alleati è quello all'unione (che fa la forza), anche sul piano delle sfide commerciali. Gli Stati Uniti rappresentano circa il 25% del Pil mondiale, ha fatto notare. "Quando lavoriamo sul serio con i nostri partner europei, con i partner asiatici e gli altri, noi arriviamo al 40, 50 o 60% del Pil mondiale. È molto più difficile da ignorare per Pechino", ha chiosato.

Servizio di Cristina Giuliano

Montaggio di Linda Verzani

Immagini Nato, Afp, Internet

Si parla di

Video popolari

Blinken in Europa, battesimo del fuoco al quartier generale Nato

Today è in caricamento