Giovedì, 25 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Brexit, il tempo stringe per accordo. Barnier: unità Ue è forte

Pressing sul tre aree chiave. Londra chiede flessibilità

Milano, 13 ott. (askanews) - L'unità dell'Unione europea sulla Brexit è forte e il blocco continuerà a lavorare nei prossimi giorni e settimane per un accordo equo sulle sue future relazioni con il Regno Unito. Lo promette in un tweet il negoziatore dell'Unione Europea Michel Barnier che ha lasciato le trattative a Bruxelles per recarsi in Lussemburgo, dove i ministri Ue si incontrano per discutere e assicurarsi che i Paesi membri mantengano un fronte unito, cosa che hanno fatto da quando Londra ha deciso di lasciare l'Ue quattro anni fa.

Si parla di pressioni da parte di Germania e Francia sulla Gran Bretagna affinché faccia concessioni nelle tre aree chiave dei negoziati commerciali. Altrimenti sarà "no deal" a partire dal primo gennaio: un risveglio pericoloso per un'economia britannica già colpita duramente dalla pandemia. Londra da parte sua ha chiesto flessibilità all'Ue, in questo negoziato a tutto campo: dal commercio ai trasporti e alla cooperazione nucleare.

Il tempo è davvero poco. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha fissato al 15 ottobre, giorno del vertice Ue, la scadenza per decidere se proseguire o meno le discussioni. Ma, con entrambe le parti che alzano la posta in gioco e mercati sempre più nervosi, si ritiene che i leader autorizzeranno la continuazione dei colloqui con la Gran Bretagna fino alla fine del mese.

Si parla di

Video popolari

Brexit, il tempo stringe per accordo. Barnier: unità Ue è forte

Today è in caricamento