Giovedì, 4 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cambio della nave ammiraglia all'Operazione Eunavfor Med "Irini"

La nave greca HS "Adrias" sostituita dalla HS "Aegean"

Milano, 2 feb. (askanews) - Avvicendamento tra navi ammiraglie nell'ambito dell'operazione Eunavfor Med "Irini" che ha come obiettivo l'embargo delle armi da parte delle Nazioni Unite nei confronti della Libia; la nave della Marina militare Greca HS "Aegean" è subentrata alla HS "Adrias".

La cerimonia, presieduta dal comandante dell'operazione, l'ammiraglio della Marina militare italiana Fabio Agostini, si è svolta martedì 2 febbraio 2021 a bordo della "Adrias" nel pieno rispetto delle misure anti-Covid19.

Per l'occasione all'equipaggio della "Adrias" sono state assegnate le medaglie per il servizio di sicurezza e politica di Difesa comune.

"Sono certo - ha detto l'ammiraglio Agostini - che l'esempio fornito dall'ottima performance della 'Adrias' guiderà la nuova ammiraglia a proseguire sulla stessa strada di successo, in linea con le più nobili tradizioni della marina ellenica".

L'operazione "Irini" iniziata il 31 marzo 2020 consta su risorse aeree, satellitari e marittime: in particolare due imbarcazioni, un velivolo a pilotaggio remoto e tre velivoli di pattugliamento marittimo assegnati in modo continuativo oltre a ulteriori 2 attivati all'occorrenza.

L'Italia, al momento è coinvolta con i Predator del 32esimo Stormo dell'Aeronautica Militare di Amendola (Fg) e con la nave ITS "Comandate Borsini" della Marina militare.

In 10 mesi di attività, sono state effettuate indagini su oltre 1.700 navi mercantili, con 66 "approcci amichevoli", 6 ispezioni di verifica del carico e un dirottamento di una nave per violazione dell'embargo sulle armi. È stata monitorata, inoltre, l'attività in 16 porti e impianti petroliferi libici e in 25 aeroporti e piste di atterraggio.

Tutto questo nel pieno rispetto del principio di imparzialità nei confronti delle parti belligeranti in Libia.

Si parla di

Video popolari

Cambio della nave ammiraglia all'Operazione Eunavfor Med "Irini"

Today è in caricamento