rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022

Carabiniere ucciso, la testimonianza del collega Andrea Varriale

Quella sera - dice - hanno mostrato il tesserino ai due americani

Roma, 15 lug. (askanews) - Testimonianza importante oggi nel processo per la morte del vicebrigadiere dell'Arma Mario Cerciello Rega, avvenuta il 26 luglio 2019 e che vede imputati i due giovani statunitensi Finnegan Elder Lee e Gabriel Natale Hjorth.

A parlare in aula il collega presente la sera dell'omicidio, Andrea Varriale, il quale dice che quella sera lui e Cerciello Rega hanno tirato fuori il tesserino e si sono "qualificati" dicendo di essere Carabinieri.

"Loro ci hanno aggrediti subito. Non abbiamo visto che erano

armati (...) - ha raccontato, rispondendo alle domande del pubblico ministero e spiegando di avere sentito Mario gridare e lamentarsi - è durato pochissimi secondi. Vado verso Mario e lo trovo in piedi, perde sangue in modo copioso. Mi tolgo la maglietta e tampono. Non mi rendo conto di quante ferite ha Mario. In breve la polo diventa intrisa di

sangue. Chiamo la centrale e chiedo i soccorsi".

L'avvocato di Finnegan Lee Elder, Roberto Capra, prima di entrare a Palazzo di Giustizia, si è augurato:

"Un momento importante, mi auguro che venga fatta chiarezza su alcune cose che ancora adesso non sono ancora del tutto chiare".

Si parla di

Video popolari

Carabiniere ucciso, la testimonianza del collega Andrea Varriale

Today è in caricamento