rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022

Carla Bruni con mascherina compare in aula al processo a Sarkozy

L'arringa pomeridiana della difesa: giustizia è fallibile

Parigi, 10 dic. (askanews) - In sala molti vestiti di nero, giornalisti e parenti, e soprattutto la moglie: Carla Bruni, mascherina color prugna - dopo l'infelice battuta sul coronavirus - e stivali di pelle, venuta per la prima volta al processo.

Per l'avvocato di Nicolas Sarkozy, ex presidente francese processato a Parigi per corruzione e spaccio d'influenza, la giustizia è "fallibile". "Ho l'onore di difendere un imputato la cui particolarità era quella di essere anche Presidente della Repubblica". Jacqueline Laffont, in piedi, inizia la sua arringa nel primo pomeriggio.

Di fronte a lei, i due rappresentanti della Procura Nazionale delle Finanze che hanno chiesto, il giorno prima, quattro anni di carcere, due dei quali con la condizionale, contro Sarkozy: cosa senza precedenti sotto la Quinta Repubblica.

Laffont vuole dimostrare che non c'è stato accesso a informazioni riservate, che l'ex alto magistrato Gilbert Azibert non è stato influenzato e che le intercettazioni telefoniche "tra un avvocato e il suo cliente" sono poche nonchè "illecite e scandalose", perché violano il segreto professionale. Ma il verdetto arriverà più tardi. E potrebbe non essere l'unico: altre indagini in corso toccano l'ex capo di stato.

Si parla di

Video popolari

Carla Bruni con mascherina compare in aula al processo a Sarkozy

Today è in caricamento