Giovedì, 25 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Caso Regeni, la procura egiziana: processo immotivato

"Il responsabile resta sconosciuto"

Roma, 30 dic. (askanews) - "Processo immotivato". La procura egiziana ha annunciato che non ci sono ragioni per avviare un procedimento penale per il sequestro, la tortura e l'omicidio del ricercatore italiano Giulio Regeni, perché "il responsabile è sconosciuto".

E' quanto si legge in una nota della procura egiziana che ha però incaricato gli inquirenti di "proseguire nelle indagini" per identificare i colpevoli.

La procura ha anche respinto le accuse mosse contro quattro funzionari e un poliziotto dell'agenzia di sicurezza nazionale.

Solo il 10 dicembre, dopo 5 anni, la Procura di Roma aveva chiuso le indagini sull'omicidio, chiedendo il processo per quattro appartenenti ai servizi egiziani per i reati di sequestro di persona pluriaggravato, concorso in omicidio aggravato e lesioni personali aggravate.

"Il comunicato della Procura egiziana è un nuovo tentativo di depistaggio sulla morte di Giulio Regeni - si legge sul profilo Twitter dell'Associazione Antigone - la Procura di Roma vada avanti e il governo italiano si costituisca parte civile nel processo contro alcuni membri della Sicurezza nazionale egiziana".

Si parla di

Video popolari

Caso Regeni, la procura egiziana: processo immotivato

Today è in caricamento