Martedì, 22 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Che cos'è e come funziona il simulatore di guida dinamico DiM400

L'intervista di askanews a Gianpiero Mastinu del PoliMi

Milano, 4 feb. (askanews) - Il DiM400, l'innovativo simulatore di guida dinamico realizzato dal Politecnico di Milano, in collaborazione con la Regione Lombardia e VI-grade è molto più di un semplice sistema di guida virtuale.

Costato 5 milioni di euro, di cui 2 finanziati proprio dalla Regione Lombardia, è un vero e proprio laboratorio che mette ricerca e innovazione al servizio della mobilità sostenibile in abito automotive e del cluster lombardo della mobilità.

Askanews ne ha parlato con Gianpiero Mastinu del Driving Simulator Lab del Politecnico di Milano.

"È un'installazione che serve per fare didattica, ricerca e trasferimento tecnologico alle circa 1000 aziende che lavorano in Lombardia nel settore automotive - ha detto - il simulatore è importante perché consente in particolare alle aziende di componentistica di valorizzare le proprie innovazioni che sono importanti se vengono percepite dal consumatore. Attraverso il simulatore di guida è possibile verificare se il guidatore percepirà le innovazioni proposte dalla aziende che fanno i componenti e che quindi possono valorizzare i loro sistemi per essere poi montati dai costruttori dei veicoli".

In pratica il guidatore siede in un abitacolo simile a quello vero, integrato con un maxischermo su cui vede ciò che vedrebbe se stesse effettivamente alla guida di un veicolo. Il sistema scorre su carrucole in modo da riprodurre movimenti e sensazioni reali, in tal modo si possono testare virtualmente prodotti e aggiornamenti prima che entrino in produzione, con notevoli vantaggi in termini economici, didattici e tecnologici.

"Il simulatore di guida consente attività di ricerca nell'ambito della sicurezza dei veicoli, dei veicoli ecologici e di quelli automoatici o automatizzati e connessi - ha concluso Mastinu - le attività che noi svolgiamo si riferiscono a interazione tra uomo e macchina, quindi una caratterizzazione completa delle attività che l'uomo svolge all'interno del veicolo e poi una registrazione del comportamento del veicolo nel suo insieme ovvero attraverso i suoi componenti".

Si parla di

Video popolari

Che cos'è e come funziona il simulatore di guida dinamico DiM400

Today è in caricamento