Sabato, 27 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

CHIME, CIMR e LSTM, le nuove missioni del programma "Copernicus"

L'Italia realizzerà due di esse grazie a Tas, Leonardo e OHB

Milano, 13 nov. (askanews) - Il programma di monitoraggio della Terra dallo Spazio "Copernicus" della Commissione europea e dell'Esa (Agenzia spaziale europea) si arrichisce di 3 nuove missioni, per 6 satelliti-sentinella in totale, realizzate tra Italia, Francia e Spagna e lanciate a partire dal 2028 dallo spazioporto europeo di Kourou, in Guyana francese, con il lanciatore italiano Vega C.

Ciascuna, con dati liberi e aperti a tutti, darà un importante contributo alla lotta ai cambiamenti climatici e alla prevenzione di catastrofi naturali e due di esse parlano italiano.

Si tratta di CIMR (Copernicus Imaging Microwave Radiometer) un sistema di 3 satelliti che, con un radiometro a microonde, studierà i mari e lo scioglimento dei ghiacci, con una risoluzione mai raggiunta prima e CHIME (Copernicus Hyperspectral Imaging Mission) 2 satelliti che con tecnologia multispettrale e una suite di strumenti tra cui un telescopio costruito da Leonardo a Campi Bisenzio (Fi) mapperà il suolo offrendo servizi nel campo dell agricoltura, della sicurezza alimentare e della biodiversità. A queste si aggiunge LSTM (Land Surface Temperature Monitoring) dotato di un sensore termico a infrarossi per lo studio dei cambiamenti climatici.

Josef Aschbacher, direttore dei Programmi di osservazione della Terra dell'Esa si è detto molto soddisfatto di questo importante passo per il futuro del programma.

"Abbiamo un set di diversi satelliti che misurano diversi parametri del cosiddetto Earth System, il 'Sistema Terra' - ha spiegato - dall'atmosfera, agli oceani, ai poli, a tutto quello che lavora per capire meglio come funziona il nostro pianeta e quali parametri sono importanti per capire quali sono i cambiamenti a lungo termine del clima".

L'Italia, anche grazie all'impegno dell'Agenzia spaziale italiana (Asi), è in prima linea e guida la cordata di 17 Paesi europei impegnati in questo ambizioso progetto. Thales Alenia Space, infatti, è primo contraente per CIMR con OHB Italia partner principale per lo strumento e HPS (High Performance Space Structure System GmbH) per il riflettore dell'antenna e prime contractor e integratore di CHIME sempre con OHB e Leonardo come partner principali per il payload.

Massimo Comparini, AD di Thales Alenia Space Italia.

"Questi strumenti allo stato dell'arte - ha detto - ci consentiranno di fare misurazioni con una precisione mai raggiunta sulla temperatura dei mari, sull'estensione dei ghiacci, sulle calotte polari artiche e antartiche, con una sequenza temporale mai raggiunta e disponibilità dei dati tra 3 e 15 ore. Sono numeri che illustrano quanto avanzata sia la tecnologia impiegata e quanti dati importanti verranno generati nel corso degli anni".

Per ciascuna missione l'investimento totale sfiora i 500 milioni di euro, con una ricaduta di almeno il 50% sull'intera filiera italiana. La vita nominale dei satelliti e di 7 anni ma si pensa che potranno operare molto più a lungo.

Si parla di

Video popolari

CHIME, CIMR e LSTM, le nuove missioni del programma "Copernicus"

Today è in caricamento