Martedì, 2 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cina, a Jilin scatta un parziale lockdown: si teme nuovo focolaio

Chiusi collegamenti, scuole, luoghi di intrattenimento al chiuso

Roma, 13 mag. (askanews) - La provincia cinese di Jilin, nel Nordest del Paese, fa tremare la Cina che ha già dovuto fronteggiare il primissimo focolaio di coronavirus a Wuhan.

Sei i nuovi casi accertati, dopo quelli degli ultimi giorni, per un totale di 21. Si teme una seconda ondata di contagi nel Paese e sono state attuate misure di blocco più rigide per evitarne la diffusione. Jilin, con una popolazione di oltre quattro milioni di abitanti, ha chiuso parzialmente i confini, le scuole, tagliato i collegamenti, con bus e treni fermi.

Ai residenti è permesso lasciare la città solo se negativi ai test per il Covid-19 nelle ultime 48 ore e con l'impegno a completare un periodo di "autoisolamento rigoroso". Chiusi cinema, palestre, internet café e i luoghi di intrattenimento al chiuso; alle farmacie è stato imposto di segnalare tutte le vendite di farmaci antivirali.

La città di Jilin, che si trova nell'omonima provincia e confina con la Russia e la Corea del Nord, ha avuto i primi contagi segnalati nel fine settimana nel sobborgo di Shulan. Da allora è scattato l'allarme.

1.23 "Le amministrazioni locali, i dipartimenti, le aziende e i singoli individui devono assumersi le proprie responsabilità - ha detto Mi Feng, portavoce della Commissione Nazionale della Salute - individuare subito gli anelli deboli e trovare il modo di prevenire il rimbalzo dell'epidemia e costruire una solida linea di difesa che preveda la prevenzione e il trattamento di massa".

Il governo cinese ha inviato un team di esperti a Jilin per aiutare le autorità locali. Intanto a Wuhan si è deciso di testare tutta la popolazione. La Cina non vuole più rischiare.

Si parla di

Video popolari

Cina, a Jilin scatta un parziale lockdown: si teme nuovo focolaio

Today è in caricamento