Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Cinque deputati tra i richiedenti del bonus partita Iva da 600

Fico: escano allo scoperto, dovranno scusarsi e restituire

 

Roma, 10 ago. (askanews) - Cinque parlamentari nella bufera per aver chiesto e ottenuto dall'Inps i 600 euro poi diventati 1000 per le partite Iva colpite dal coronavirus nonostante lo stipendio da 12 mila euro al mese. La segnalazione è arrivata dalla direzione centrale Antifrode, Anticorruzione e Trasparenza dell'Inps i sospetti sono 3 deputati della Lega, uno M5S e uno di Italia Viva, ma per ragioni di privacy i nomi non sono stati resi noti. I cinque "furbetti di Montecitorio' sono tutti possessori di partita Iva, liberi professionisti e co.co.co. Così, come altre categorie di lavoratori autonomi, avevano dunque diritto all'indennità.

Tutti i partiti si dicono scandalizzati anche se con toni diversi.

"Chiedo ufficialmente ai cinque eletti di uscire allo scoperto, chiamandomi o informando i propri partiti. Si manifestino, chiedano scusa e restituiscano i soldi", ha scritto il presidente della Camera Roberto Fico.

Lapidario su Facebook il segretario del Pd Nicola Zingaretti: "Posso dire che è una vera vergogna?". Gli fa eco Luigi Di Maio "E' vergognoso. E' davvero indecente".

Per Matteo Salvini è vergognoso che un parlamentare chieda soldi e che il dl lo permetta. In qualunque paese al mondo tutti costoro si dimetterebbero. Anche Giorgia Meloni parla di squallido atteggiamento.

Ma sarebbero oltre 2000 gli amministratori pubblici, tra sindaci e assessori ad aver usufruito del bonus.

Questo scandalo potrebbe dare una spinta a votare sì alla riforma del taglio dei parlamentari.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento