Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Clima, al via a Madrid la COP25: presenti 196 Paesi

Guterres: punto di non ritorno sempre più vicino

 

Madrid, 2 dic. (askanews) - Le delegazioni di 196 Paesi firmatari dell'accordo di Parigi del 2015 si riuniscono oggi e per 12 giorni alla COP 25 di Madrid, la conferenza sul clima dell'Onu, organizzata all'ultimo minuto nella capitale spagnola, dopo il ritiro di Brasile e Cile. Nell'imemdiata vigilia dei lavori, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha avvertito che "il punto di non ritorno" è ormai vicino.

"Da molte decadi la razza umana è in guerra contro il pianeta e il pianeta si sta difendendo. Dobbiamo fermare la nostra guerra contro la natura e la scienza dice che possiamo farlo", ha dichiarato Guterres.

"Dobbiamo limitare l'aumento medio della temperatura globale a 1,5 gradi Celsius, raggiungere la neutralità del carbone entro il 2050 e ridurre le emissioni dei gas serra del 45% rispetto al 2010 da qui al 2030. Ma sia chiaro: finora i nostri sforzi perm raggiungere questi obiettivi sono stati abbastanza inadeguati", ha sottolineato Guterres.

Per raggiungere questi obiettivi secondo il segretario generale dell'Onu è necessaria prima di tutto una volontà politica: "La volontà politica di mettere un prezzo al carbone, la volontà di fermare i sussidi ai combustibili fossili e di interrompere la costruzione di centrali al carbone dal 2020. Basta smettere di scavare e perforare e cominciare a sfruttare le opportunità offerte dalle energie rinnovabili e dalle soluzioni basate sulla natura", ha concluso Guterres.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento