rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024

Con Frontiere 100 posti di lavoro in new generation technologies

Adamo: "Creare soluzioni innovative per le sfide del futuro"

Roma, 22 feb. (askanews) - Supportare e accelerare la digitalizzazione delle aziende attraverso l'utilizzo delle new generation technologies, dalla realtà aumentata a quella virtuale, dal metaverso al Web3 con il target di creare cento nuovi posti di lavoro e raddoppio del fatturato in 3 anni. Si presenta così Frontiere, l'hub di innovazione lanciato oggi a Roma dal Chief executive officer, Alfredo Adamo.

"Frontiere nasce e prende il nome dal fatto che noi stiamo creando un hub partendo da alcune realtà e queste realtà si occuperanno sempre di più di innovazioni su tecnologie di frontiera. Insieme hanno l'obiettivo di crescere, come piace dire a noi, di due livelli all'interno di quello che già facevano eccellentemente, e questo lo devono fare anche con parecchi nuovi posti di lavoro e specializzazioni, ne prevediamo 100 nei prossimi tre anni, con un utilizzo dei luoghi fisici nuovo rispetto al passato: non più come il posto dove ognuno trova la sua scrivania e cassettiera per lavorare ma luoghi di contaminazione".

Un processo, spiega Adamo, già avviato e che prevede ulteriori sviluppi: "In particolare questo avviene già e avverrà con un design center nel 2024 che stiamo progettando e che vedrà la luce a metà del 2024 a Roma e a Napoli ma la nostra e vuole essere una innovazione diffusa sul territorio italiano".

Sul fronte dell'innovazione e delle nuove tecnologie uno dei principali punti critici è il gap tra domanda e offerta: un mismatch del 46,4%, in crescita dell'8% rispetto ad un anno fa pari a 177mila dei 382mila profili ricercati: "Il problema in questo momento di poca reperibilità di figure tecnico-scientifiche di un certo tipo, si supera a nostro avviso solo cominciando ad avere maggiore attenzione non al profilo e ai suoi skill, ma alla persona che c'è dietro. Noi abbiamo un programma di welfare aziendale e una modalità di lavoro che permette alle persone di crescere come persone e di confrontarsi contaminate da altre professionalità al di là della figura in quanto tale che rappresentano nel mercato".

Attenzione alla persona, quindi, che non può prescindere dalla multidisciplinarietà: "C'è sempre di più attenzione nel formare queste figure nuove appunto creando il concetto di multidisciplinarietà e quindi in questo senso recuperando anche figure più reperibili per farle diventare utili al mondo dell'innovazione; non è escluso che un filosofo possa essere determinante in un progetto di innovazione. Quindi secondo noi bisogna andare un po' al di là degli schemi per superare il problema del momento".

Si parla di

Video popolari

Con Frontiere 100 posti di lavoro in new generation technologies

Today è in caricamento