Martedì, 20 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Confindustria, dl liquidità condivisibile ma non sufficiente

"Accelerare pagamento debiti delle pubbliche amministrazioni"

Milano, 28 apr. (askanews) - Il decreto liquidità del governo è un intervento necessario, condivisibile nel complesso ma "ancora insufficiente rispetto all'impatto pesantissimo e senza precedenti" della pandemia sulle imprese. È il giudizio di Confindustria espresso dalla direttrice generale Marcella Panucci, in audizione alle commissione riunite Finanze e Attività produttive.

Le dimensioni delle conseguenze saranno drammatiche, ha stimato il Centro studi di Confidustria: "Una caduta del 10% del Pil nei primi due trimestri del 2020", "in uno scenario che vede la fase acuta dell'emergenza sanitaria terminare a maggio e la riapertura delle imprese industriali completarsi entro giugno".

Dunque "il fabbisogno di liquidità nel 2020" è stimato a 57 miliardi con fine dell'epidemia a giugno, che salirebbero a 138 miliardi con fine epidemia a dicembre.

Inoltre per Panucci "risulta indispensabile una decisa accelerazione dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni" e "procedere con speditezza nella concessione delle garanzie" senza complicazioni burocratiche.

Si parla di

Video popolari

Confindustria, dl liquidità condivisibile ma non sufficiente

Today è in caricamento