Venerdì, 16 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conte-bis alla prova dei numeri, incognita al Senato

Il 9 settembre la fiducia alla Camera, FdI e Lega in piazza

Roma, 6 set. (askanews) - La crisi di governo aperta dalla Lega a Ferragosto si è chiusa nei tempi brevi auspicati dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: dopo 16 giorni dalle dimissioni del premier Giuseppe Conte, il 20 agosto, fino all'assunzione piena di un nuovo incarico per il governo il 4 settembre. Ma il Conte-bis, M5s-Pd, dovrà affrontare subito la prova dei numeri: alla Camera e soprattutto al Senato, che rappresenta il primo scoglio prima della legge di bilancio, altro passaggio particolarmente delicato.

A sostenere il governo ci sono i due principali azionisti Pd e M5s, a cui si è aggiunta anche Leu, che ha anche ottenuto il ministero della Salute per Roberto Speranza. Disponibili anche i Gruppi per le Autonomie che però possono valutare un'astensione per i problemi avuti "con i cinquestelle sull'autonomia".

Un "no" era stato pronunciato da Emma Bonino, leader di +Europa, ma Bruno Tabacci, presidente di +Europa, si è detto favorevole, provocando una spaccatura. Alla Camera si vota la fiducia lunedì 9 settembre. La situazione è tranquilla: i soli gruppi di M5s, con 216 deputati, Pd con 111 e Leu con 14 deputati raggiungono 341 voti, ben di più dei necessari 315. Il 10 settembre, invece, la fiducia al Senato ha numeri più risicati. I Cinquestelle hanno 107 senatori e il Pd 51: i 'giallorossi' da soli si fermano a 158, tre in meno rispetto a quelli che servono per la maggioranza. Mancano dal calcolo i sei senatori a vita, il gruppo Misto - Leu e la pattuglia degli ex Cinquestelle, Emma Bonino e i due rappresentanti del Maie (italiani all'Estero) - e di quelli delle Autonomie.

Alcuni, come il dissidente M5s Gianluigi Paragone e il senatore del Pd Matteo Richetti, hanno annunciato che voteranno contro. Così come, di sicuro, non voteranno la fiducia Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia. Giorgia Meloni ha lanciato una manifestazione di protesta davanti a Montecitorio nel giorno della fiducia a cui ha aderito anche la Lega di Matteo Salvini che ha poi rilanciato con un'altra manifestazione sabato 19 ottobre a Roma per, ha detto l'ex vicepremier, i "tanti italiani che sono disgustati e inorriditi di fronte al mercato vergognoso di queste settimane".

Si parla di

Video popolari

Conte-bis alla prova dei numeri, incognita al Senato

Today è in caricamento