Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conte: dl semplificazioni una riforma indispensabile per il Paese

"Stiamo anche lavorando a una riforma del fisco ampia"

 

Roma, 1 lug. (askanews) - Il dl semplificazioni è indispensabile per intervenire nelle varie fasi della realizzazione delle opere pubbliche e su queste misure il governo è aperto a un confronto costruttivo. Lo ha affermato il premier Giuseppe Conte durante il Question Time alla Camera.

"Ho definito questo decreto legge la madre di tutte le riforme, lo ritengo indispensabile per modernizzare l'Italia e tornare a far correre il Paese ed è per questo che nel governo ci stiamo confrontando in modo costruttivo per trovare le soluzioni migliori".

"Le misure del dl semplificazioni sono volte a produrre una accelerazione e semplificazione degli iter di realizzazione delle opere e sono accompagnare da un rafforzamento dei presidi di legalità". Lo ha detto il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nel question time alla Camera.

"Per quanto riguarda la fase di assegnazione delle opere - ha spiegato - è prevista una semplificazione delle procedure, consentendo di affidare i contratti in modo più semplici e rapido per questo periodo transitorio che abbiamo individuato"

In materia di riforme fiscali Conte ha dichiarato: "Questo governo sta lavorando ad una ampia riforma della tassazione diretta e indiretta per un fisco equo, semplice e trasparente. È una riforma che non si può attuare in pochi giorni o settimane. Obiettivo è ridurre la pressione fiscale sulle famiglie con figli e i ceti medi, e accelerare la transizione del sistema economico verso una maggiore sostenbilità ambientale e sociale".

Rispondendo a una interrogazione sul taglio dell'Iva, il premier ha spiegato che è una ipotesi che il governo sta valutando. In conclusione Conte è tornato a parlare del Mes: "infine, ricordo che non vi è alcuna connessione tra le linee di credito del Mes del tipo Pandemic crisis support e le scelte generali di politiche di bilancio dei governi nazionali riguardanti la spesa pubblica e la tassazione".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento