Venerdì, 26 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Conte: sul Recovery Fund non siamo in ritardo con i tempi

Ai 100 anni di Confagricoltura: ora dobbiamo progettare rilancio

Roma, 28 set. (askanews) - Nessun ritardo sul Recovery Fund ha assicurato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, parlando alla cerimonia per i 100 anni di Confagricoltura a Roma a cui ha partecipato anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

"Il dibattito sugli organi di stampa ancora offre un dato fuorviante che va corretto: non siamo in ritardo rispetto alla tabella di marcia. Le preoccupazioni sono infondate. Il piano sarà presentato nei termini indicati dalla Commissione europea: le linee guida a metà ottobre e i progetti solo con l'inizio del nuovo anno. È questi il cronoprogramma che si è data l'Ue".

Ma il governo è già al lavoro, ha chiarito Conte e il piano, ha anticipato, dovrà destinare almeno il 37% dei volumi di investimento a progetti green. Poi il premier ha parlato della pandemia e dell'importanza di far ripartire il Paese nonostante il coronavirus, con tutte le cautele e attenzioni alla sicurezza. "Stiamo imparando a convivere con il Covid-19, non possiamo abbassare la guardia, abbiamo però l'opportunità di progettare il rilancio dell'Italia intercettando quel desiderio di riscatto e rinascita avvertito così fortemente dal nostro popolo durante la prova durissima del lockdown".

Conte ha sottolineato l'importanza di fare affidamento su fonti di approvigionamento sicure e ha ringrazianto gli agricoltori e la filiera agroalimentare per il loro lavoro soprattutto nei mesi più difficili della pandemia, per non aver mai fatto mancare nulla sugli scaffali dei negozi e dei supermercati agli italiani "Siamo consapevoli che la normalità pre-Covid non ci restituirebbe il quadro di una Italia in crescita perché sin dalla metà degli anni '90 il Paese ha vissuto una fase di stagnazione da cui dobbiamo uscire e dobbiamo cogliere l'occasione di uscirne in modo definitivo. Fra le ombre c'è anche qualche luce, una è rappresentata dall'agricoltura italiana".

Si parla di

Video popolari

Conte: sul Recovery Fund non siamo in ritardo con i tempi

Today è in caricamento