Lunedì, 8 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Continental: un italiano su due si sposta in auto per paura Covid

De Martino: "Incentivi indispensabili per mobilità sostenibile"

Milano, 7 ott. (askanews) - La paura del Covid spinge un italiano su due a muoversi in macchina perché più sicura (+22,5% rispetto al 2019), mentre sei italiani su dieci sarebbero interessati ad acquistare un'auto "green" in presenza di incentivi. E' quanto emerge dall'Osservatorio Mobilità e Sicurezza di Continental, realizzato a settembre su un campione di 2.500 intervistati in collaborazione con Euromedia Research di Alessandra Ghisleri. "L'auto ritorna al centro. E questo può andare a scontrarsi con determinate realtà che avevano previsto in epoca pre-Covid uno sviluppo completamente differente di quello che sono le nostre città", ha dichiarato Ghisleri.

L'80% di chi è interessato a cambiare auto vorrebbe un veicolo sicuro e ecologicamente pulito, mentre solo il 15,4% punta su monopattini o bici elettriche. A frenare gli acquisti sono soprattutto le difficoltà economiche e la confusione sulle nuove tecnologie, come conferma l'Ad di Continental Italia Alessandro De Martino: "L'accesso da parte dei consumatori finali a queste tecnologie è reso difficile da fatto che sono nuove, poco conosciute e non sempre sono comunicate in modo chiaro e a molti manca l'esperienza personale".

Fra i servizi di mobilità utilizzati anche in fase di pandemia spicca il car sharing perché è percepito come condiviso ma al tempo stesso individuale e la micromobilità il cui volume d'affari è visto in aumento dai 9,5 miliardi del 2019 a 29 miliardi nel 2030. Segno di un cambiamento che interesserà tutto il settore automotive, come ha spiegato Paolo Lobetti Bodoni Business Consulting e Managing Partner di Ernst & Young: "I costruttori di automotive che nel 2017 avevano l'1% dei margini nei servizi aggiuntivi quindi oltre all'auto stessa, arriveranno ad avere oltre il 40% dei margini (nel 2035 ndr) sviluppati con i servizi di mobilità. Questo significa che l'industry dell'auto diventa industry della mobilità".

Si parla di

Video popolari

Continental: un italiano su due si sposta in auto per paura Covid

Today è in caricamento