Sabato, 27 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contro emergenze e assembramenti Leonardo propone l'X-2030

Il City Management System sfrutta la rete di controlli esistente

Milano, 8 feb. (askanews) - X-2030 è un City Management System, cioé un sistema di monitoraggio, sviluppato dall'italiana Leonardo che permette di tenere sotto controllo potenziali situazioni di pericolo in aree sensibili. Uno strumento utile anche per prevenire e risolvere eventuali assembramenti o violazioni delle norme di distanziamento anti-Covid19.

Sono bastate poche ore per l'Italia in zona gialla - con minori restrizioni contro la pandemia - per riproporre, infatti, l'"allarme movida" in diverse città a causa delle tante persone, soprattutto giovani, riversatesi in strade per una boccata di normalità. Una situazione stigmatizzata, via social, anche da Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, la città più colpita dalla prima ondata di contagi nel 2020.

"Io penso - ha detto - che questo sia molto stupido. Perché vuol dire che presto torneremo in zona arancione se non in zona rossa, molte persone torneranno a contagiarsi, torneranno a riempirsi gli ospedali e torneranno anche le limitazioni".

Progettato prima della pandemia, il City Management System può essere d'aiuto anche in situazioni come queste, utilizzando le reti di sensori già esistenti e installate nelle città, come telecamere di sicurezza e sale controllo, integrando i dati con quelli di fonti aperte (web, social media e satelliti) e utilizzando Intelligenza artificiale e algoritmi per produrre informazioni in tempo reale, rispettando la privacy dei cittadini, per una graduale ripresa anche della vita sociale nel Paese, come ha spiegato ad askanews Enrico Savio, Chief Strategy and Market Intelligence Officer di Leonardo.

"È chiaro che questo richiede un supporto e un'assistenza basati su tecnologie di cui Leonardo dispone - ha spiegato - richiede una 'rimessa in moto' della nostra capacità di aggregazione in sicurezza, gestita sulla base di modelli prima e di strutture tecnologiche poi, in grado di supportare e quindi sostenere la resilienza del nostro Paese".

X-2030, però, è stato concepito soprattutto per compiti di Protezione civile, per esempio nei casi di manifestazioni sportive, cortei o calamità naturali che richiedano rapidità d'azione e decisione.

"Sale operative, comando e controllo, capacità di mobilità assistita, guida autonoma, investimento sui materiali e sulle strutture tecnologiche a supporto del settore sanitario, sono gli ambiti in cui Leonardo sta esprimendosi in questi giorni".

Il sistema è stato sviluppato nell'ambito del Piano strategico Be Tomorrow 2030 per città più connesse e servizi "intelligenti" che sfruttino le nuove tecnologie per migliorare il comfort e la sicurezza dei cittadini.

Si parla di

Video popolari

Contro emergenze e assembramenti Leonardo propone l'X-2030

Today è in caricamento