Martedì, 13 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, a Bologna il laboratorio dove si testano mascherine

Al Sant'Orsola un team di esperti valuta standard di sicurezza

Bologna, 16 apr. (askanews) - "Se andiamo a contare il numero di colonie batteriche con questa densità andiamo a capire che la mascherina che abbiamo testato non filtra a sufficienza, non andrà a passare il test d'infiltrazione batterica".

A Bologna, è in una sala operatoria sterile del Policlinico Sant'Orsola che un team dell'Università di Bologna composto da medici e altri scienziati come ingegneri chimici e microbiologi testano e convalidano le nuove mascherine realizzate da oltre 100 aziende italiane e non, che devono arrivare agli operatori sanitari che combattono da vicino il coronavirus. Qui si lavora 24 ore su 24 per accertare, in modo tempestivo, che i dispositivi di sicurezza - molti prodotti da aziende che hanno riconvertito le loro attività per la crisi - siano conformi agli standard europei.

A guidare il team, Francesco Violante direttore della medicina del lavoro al Sant'Orsola: "Al momento abbiamo ordini di test da oltre 120 aziende, una sessantina le abbiamo testate già e di queste abbiamo trovato conformi ai requisiti dei diversi standard 3 tipi di tessuto e 4 tipi diversi di mascherina".

Martina Cappelletti, ricercatrice: "Mentre testiamo le mascherine consideriamo che quella mascherina sarà indossata dal personale sanitario che è coinvolto giornalmente nella cura di pazienti con coronavirus".

Inoltre, all'ospedale bolognese in soli sei giorni un padiglione rimasto vuoto per cinque anni è stato trasformato per gestire i pazienti infettati da Covid-19 con 50 posti letto, di cui 20 per la terapia intensiva.

La situazione è sotto controllo a fronte di quella lombarda dove ci si è trovati a fronteggiare un'emergenza, dice la dott.ssa Daniela Di Luca, responsabile del reparto di terapia intensiva: "Noi siamo arrivati un mese e mezzo dopo e abbiamo avuto il tempo di organizzarci con strutture specifiche e a Bologna c'era un lockdown pesantissimo con isolamento delle persone".

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, a Bologna il laboratorio dove si testano mascherine

Today è in caricamento