Lunedì, 25 Ottobre 2021

Coronavirus, "A New York emergenza sanitaria, pochi ventilatori"

La testimone: "Preoccupati per giovani e per timore di rivolte"

Roma, 24 mar. (askanews) - Ad oggi, 24 marzo, i numeri di contagiati da coronavirus negli Stati Uniti hanno superato i 46mila; i decessi quasi 600. E' il terzo paese dopo Cina e Italia. A New York la situazione è allarmante: oltre 13mila i contagi secondo i calcoli della John Hopkins University, 125 morti, città deserta, e il presidente Donald Trump che parla di riaprire al più presto il Paese, perché - ha detto - "la cura non può essere peggio della malattia".

Ne parliamo con Francesca Di Matteo, fondatrice e Ceo di Strategica Communication, che vive a New York insieme al marito medico. "La situazione qui a New York è a dir poco allarmante. Manhattan, nel giro di poche settimane, è completamente cambiata. E' una città deserta, fantasma. Il governatore Cuomo ha attuato ogni giorno delle misure sempre più restrittive. Lo sta facendo per abituare i newyorchesi a quella che ha definito un'emergenza che durerà a 6-7-8 mesi. Le problematiche di New York non sono poche: prima di tutto c'è un'emergenza sanitaria. Non ci sono sufficienti posti letto negli ospedali, non c'è un numero elevato di ventilatori e non c'è uno staff specializzato adeguato".

Preoccupazione soprattutto per i giovani: "Su 4mila casi si è visto che c'è un'alta percentuale di giovani, tra i 20 e i 44 anni, che attualmente si trovano negli ospedali. Il governatore Cuomo ha lanciato continui appelli ai giovani".

E poi c'è il timore, piuttosto grosso, di rivolte, dopo la corsa all'acquisto di armi. "Non è fantascienza. La gente ha paura, ha timore di persone che potrebbero andare nel panico, ha paura di furti in casa: la situazione non è delle migliori".

E la situazione economica come si presenta? "Alcuni settori stanno scomparendo e lo vediamo con il turismo, della ristorazione, alcune grandi aziende dopo mesi di chiusura potrebbero non riaprire più".

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, "A New York emergenza sanitaria, pochi ventilatori"

Today è in caricamento