Venerdì, 16 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, a Torino "Tutticonnessi": device gratis a studenti

L'iniziativa di associazioni locali contro il digital divide

Milano, 28 apr. (askanews) - Le scuole non riapriranno fino a settembre, dunque la didattica a distanza è per ora l'unico modo per garantire formazione e continuità scolastica. E come fanno quelle famiglie che hanno minori in casa, un terzo secondo una ricerca Istat, e che non hanno un dispositivo per connettersi? Studentesse e studenti tagliati fuori dalla vita sociale ed educativa.

Per questo in tutta Italia sono partiti progetti nelle scuole o grazie ad associazioni per aiutare gli studenti in difficoltà, dotandoli di connessione e device. Uno di questi è "Tutticonnessi" (https://www.tutticonnessi.it/) attivo a Torino, collaborazione tra le associazioni torinesi SYX, Tékhné, Informatici Senza Frontiere, MuPIN - Museo Piemontese dell'informatica. In cosa consiste lo racconta Francesco Ronchi, fondatore di Synesthesia e dell'associazione SYX.

"Raccogliere donazioni da privati e aziende, ricondizionare questi dispositivi grazie a volontari che cancellano tutti i dati ed eventualmente reinsatallano sistemi operativi, sanificarli e poi renderli disponibili alla donazione, che avviene su segnalazione di un docente o un operatore sociale che si fa da garante".

"Visto che molte persone volevano contribuire, ma non avevano dispositivi, su "Rete del dono" (https://www.retedeldono.it/it/progetti/syx/tutticonnessi-un-device-per-studente) abbiamo fatto partire una campagna di crowdfunding; il denaro verrà trasformato in pc, sim dati e altri dispositivi possibilmente ricondizionati, perché c'è anche uno spirito eocologico. Acquistati e messi nel circolo delle donazioni".

Fondi con cui si potrà ovviare anche a problemi di connessione con sim dati e modem. In pochi giorni sono arrivate oltre 700 richieste di dispositivi. Le donazioni finora sono state circa 50, ma l'attenzione al progetto, fa ben sperare per il futuro.

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, a Torino "Tutticonnessi": device gratis a studenti

Today è in caricamento