Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, al via allo Spallanzani sperimentazione sul vaccino

Zingaretti: ma serve responsabilità, sennò torniamo indietro

 

Roma, 24 ago. (askanews) - Al via, dall'Istituto Spallanzani di Roma, la sperimentazione del vaccino Covid, ricerca portata avanti con il sostegno della Regione Lazio e del Ministero della Ricerca.

Sono 4mila i candidati che si sono offerti per sottoporsi alla sperimentazione. Novanta quelli selezionati. Il direttore sanitario dello Spallanzani, Francesco Vaia, ha spiegato che il primo volontario a cui è stata sottoposta la dose sperimentale rimarrà all'Ospedale per qualche tempo e man mano arriveranno gli altri. La prima fase della sperimentazione durerà 24 settimane.

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti: "Questa mattina è stata inaugurata la prima dose di vaccino, al primo dei 4mila volontari che hanno risposto all'appello dell'Istituto Spallanzani. Questo rende la giornata di oggi per la sanità italiana una giornata molto importante, perché stiamo parlando del vaccino italiano, sostenuto da un progetto di ricerca della Regione Lazio, dal Ministero della ricerca e università e rappresenta un importante salto in avanti in Italia contro il coronavirus".

"Noi crediamo molto nel vaccino bene comune, per questo abbiamo voluto con lo Spallanzani e con il ministero dell'Università e della ricerca sarà un vaccino pubblico a disposizione, a conclusione della fase di sperimentazione, di tutti coloro che ne avranno bisogno".

L'ultimo bollettino sui dati del coronavirus ha visto un'impennata dei casi nel Lazio, diventata dopo il Veneto la seconda regione italiana più colpita. Nelle ultime 24 ore sono stati 184 i nuovi positivi. Il governatore Zingaretti ha lanciato un appello:

"Io rinnovo un appello alla responsabilità nei comportamenti delle persone: non è giusto, non è corretto che ancora una volta si scarichi sul sistema sanitario tutti i problemi del coronavirus. La sanità nella nostra regione come in tutte le regioni sta facendo di tutto per incentivare, attraverso i box e i drive-in, un filtro per individuare i positivi, ma senza il senso di responsabilità di tutti non ce la faremo mai e rischiamo di tornare indietro. Bisogna seguire tre regole semplicissime: sempre la mascherina, distanza di sicurezza e lavare le mani".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento