Mercoledì, 14 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, Brasile in crisi con Cina tra razzismo e fumetti

Ministro dell'Istruzione tira in ballo Cebolinha

Milano, 6 apr. (askanews) - Ancora baruffa tra Brasile e Cina. I

rapporti tra i due Paesi Brics non andavano così male prima del

coronavirus. Ora stanno toccando veramente il fondo. Il governo

di Pechino ha reagito a un messaggio dalle connotazioni

"razziste" scritto su Twitter dal ministro della Pubblica

istruzione brasiliano, Abraham Weintraub.

Weintraub, noto per la sua dialettica anticonvenzionale, ha dato

la colpa alla Cina per il virus tirando in ballo Cebolinha, un

personaggio del fumetto la Banda di Monica, il Peanuts

brasiliano. E sostituendo nelle parole, la lettera R con la R,

per ironizzare sulla fonetica mandarina.

L'ambasciata cinese ha definito le affermazioni "completamente

assurde e spregevoli". "Chiediamo ad alcune persone in Brasile di

correggere immediatamente i propri errori e di fermare accuse

infondate contro la Cina", si legge in una nota.

Lo scorso 19 marzo, una disputa analoga era stata sollevata dai

tweet del figlio del presidente Bolsonaro, anche lui come

Weintraub di estrema destra.

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, Brasile in crisi con Cina tra razzismo e fumetti

Today è in caricamento