Mercoledì, 14 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus Fase 2, startup bresciana finanziata col crowdlending

Due neo-ingegneri producono dispositivi medici per disabili

Milano, 27 mag. (askanews) - In piena emergenza coronavirus, 2 giovani neo-ingegneri bresciani, Simone Mora e Francesco Vavassori, impossibilitati a ricevere i finanziamenti statali previsti per la pandemia di Covid-19, sono riusciti a rilanciare la loro strartup nata nel 2019 per la produzione di dispositivi sanitari per disabili, la Plus Biomedical, grazie al crowdlending. Si tratta di una piattaforma digitale - messa a disposizione da Criptalia - con la quale un gruppo di 44 investitori privati ha erogato alla startup micro-contributi fino a 40mila euro in totale, con interessi al 9% l'anno.

Simone e Francesco avevano provato ad autofinanziare la loro attività, anche grazie a parenti ed amici. Poi però si sono scontrati con la burocrazia e con il Covid-19. Di finanziamenti straordinari per la pandemia neanche a parlarne; troppo stringenti i prerequisiti e troppo lenti i tempi di erogazione. Poi la scoperta del crowdlending, l'inizio della produzione e l'inizio del successo.

"Avevamo bisogno di un prestito ponte a breve termine per riuscire a lanciare la campagna - ha spiegato Francesco - le banche non ci hanno supportato in questo perché avevano tempi molto lunghi e una burocratizzazione del sistema 'antica'. Con Criptalia invece nell'arco di un mese siamo riusciti a sbloccare il prestito di 40mila euro e presto saremo online".

Il dispositivo creato dai due ingegneri bresciani si chiama Cwash, una mascherina automatizzata per l'igiene orale delle persone disabili. Ma è solo il primo di una lunga serie di dispositivi in cantiere.

"Con delle microvibrazioni - ha spiegato Francesco - va a pulire l'arcata dentale con una sostanza detergente grazie a un polimero a rilascio graduale. Un'altra innovazione di questo device è l'App correlata per cui sarà possibile controllarlo da remoto tramite smartphone e questo è un grande vantaggio per l'igiene orale di quelle persone che non possono farla autonomamente e quindi potranno controllarla da remoto".

"Plus Biomedical - ha aggiunto Simone - sta avviando una produzione a Km Zero di mascherine chirurgiche per far fronte alle necessità dei nostri attuali clienti, quindi case di cura, case di riposo e ospedali. Poi stiamo sviluppando nuovi device come un tutore per persone con protesi all'anca e un dispositivo per il lavaggio intestinale di pazienti stomizzati o post oncologici".

L'italia, con 796 milioni di dollari di transazioni nel 2020, è al terzo posto, dopo Inghilterra e Svizzera, nella classica europea dei Paesi che sfruttano il crowdlending.

Si parla di

Video popolari

Coronavirus Fase 2, startup bresciana finanziata col crowdlending

Today è in caricamento