Lunedì, 19 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, Fase 3: a Cremona record di nascite, 15 in 24 ore

La città piegata dal Covid-19 riparte nel segno della vita

Cremona, 1 lug. (askanews) - Un bellissimo segno di rinascita che proviene proprio da una delle zone più colpite dalla pandemia di Covid-19; all'ospedale di Cremona c'è stato un record di nascite: 15 bimbi in sole 24 ore. La ripartenza dopo i momenti difficili causati dal coronavirus Sars-Cov2 non poteva avere un segnale più bello.

La notizia ha fatto presto il giro del mondo dopo che la stessa struttura sanitaria ha pubblicato una serie di fotografie delle neo mamme con i loro bimbi assieme a medici e infermieri sulla propria pagina facebook.

Diversi politici hanno espresso via social la propria soddisfazione per la bella notizia, a partire dal ministro degli Esteri, Luigi Di Maio che ha parlato di "notizia molto emozionante e ricca di significato". Il leader del Pd, Nicola Zingaretti ha descritto l'evento come un "segnale di speranza" mentre Matteo Renzi ha scritto: piene le sale parto e non le terapie intensive: è la notizia più bella.

L'ospedale di Cremona è stato messo davvero sotto pressione durante la fase più acuta della pandemia; la città ha pagato un caro tributo al Coronavirus. Fu scattata tra le sue mura la foto simbolo della battaglia al Sars-Cov2, quella dell'infermiera Elena Pagliarini, stremata dalla fatica. Nel parcheggio è stato allestito il primo ospedale da campo Covid in Italia, quello della Ong evangelica americana Samaritan's Purse che ha contribuito a salvare molte vite umane e l'aeroporto privato della città è stato il primo hub utilizzato da Stato Maggiore della Difesa e Aeronautica militare per trasportare in alto bio-contenimento gli ammalati di Covid-19 in altre strutture del nord Italia, per allentare la morsa sull'ospedale cremonese.

Pian piano, però, i contagi sono diminuiti, il numero dei morti è progressivamente calato, terapia intensiva e pronto soccorso si sono svuotati. Cremona ha saputo reagire e rimettersi in piedi e ora sta provando, pian piano, a ripartire, con tutte le sue forze, nel segno della vita che rinasce.

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, Fase 3: a Cremona record di nascite, 15 in 24 ore

Today è in caricamento