Venerdì, 30 Luglio 2021

Coronavirus, gli Usa superano la Cina con oltre 82.400 contagiati

Telefonata Trump-Xi Jinping: pronti a collaborare

Roma, 27 apr. (askanews) - Con oltre 82.400 contagi da coronavirus, gli Stati Uniti superano nei numeri la Cina, che riporta 80mila casi e sostiene che le poche decine di nuovi contagiati sono tutti provenienti dall'estero.

Dati che fanno paura ma che il presidente Donald Trump si è affrettato subito a commentare come legati ai grandi sforzi di monitoraggio che il Paese sta cominciando a fare e al fatto che nessuno sa quali siano i numeri reali in Cina. Il numero di casi in America "è una testimonianza della nostra attività di test - ha ripetuto più volte Trump - facciano un monitoraggio molto intenso".

Il presidente Usa ha anche lanciato messaggi di incoraggiamento: "Dobbiamo tornare al lavoro, dobbiamo ripartire". E ha riferito di una telefonata con il presidente cinese Xi Jinping. "Abbiamo discusso molto dettagliatamente del coronavirus che sta devastando gran parte del nostro Pianeta - ha scritto via Twitter - la Cina ci è passata e ha sviluppato una forte conoscenza del virus. Stiamo lavorando a stretto contatto insieme". Cosa confermata anche da Xi: pronto a collaborare e a fornire aiuto e supporto ha detto.

Intanto la situazione si aggrava di ora in ora. Il governatore di New York, Andrew Cuomo, ha fatto sapere che nello Stato ci sono stati 100 morti in 24 ore e nella Grande Mela, che appare deserta, i contagi hanno superato i 37mila. Altra città fantasma è New Orleans: qui il tasso di crescita dei casi è tra i più alti al mondo e le autorità hanno annunciato che gli ospedali potrebbero arrivare al collasso entro i primi di aprile.

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, gli Usa superano la Cina con oltre 82.400 contagiati

Today è in caricamento