Giovedì, 15 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, i nidi privati e convenzionati: rischiamo chiusura

Appelli al governo e petizioni: "Non abbandonateci"

Roma, 9 apr. (askanews) - Scuole chiuse per il coronavirus e didattica a distanza. Ma la realtà dei nidi è molto più complicata. Sono migliaia in tutta Italia le strutture private che si sostengono solo con le rette pagate dai genitori. Con la chiusura devono affrontare comunque oneri d'affitto e spese fisse, rischiano di non farcela e si sentono abbandonati dal governo. Molti hanno chiesto aiuti volontari alle famiglie, retta al 50% o inferiori, per sopravvivere.

Si susseguono sui social gli appelli con l'#nonabbandonateci, le petizioni, le richieste d'aiuto. I privati lamentano l'esclusione dal decreto Cura Italia ma la situazione appare ancora più complessa per i nidi privati convenzionati con il comune. Come il Santa Teresa di Roma.

Il titolare Mauro Iozzi. "Mi sembra di poter individuare il nodo maggiore nell articolo 48, comma 3 del decreto della Presidenza del consiglio, in cui si specifica che il pagamento della pubblica amministrazione va a cessare gli ammortizzatori sociali e questo comporta che non possiamo avere l aiuto sul costo del lavoro e contemporaneamente i soldi che ci spettano da contratto della pubblica amministrazione. E questo crea una mancanza di coperture sulle spese che l asilo deve continuare a sostenere".

Inoltre, spiega, il comune aveva messo a bilancio i fondi, ma: "Il Comune aiuta le famiglie non facendo pagare la quota mensile ma non si è sostituito a loro; noi perdiamo quindi quelle quote che vanno in base all Isee e c è anche da sottolinare la difformità peché ogni nido perde importi diversi in base alle quote Isee che pagano le famiglie".

Stessi problemi a Milano. Gabriella Cataldo, titolare del nido d'infanzia Il folletto Birichino, lamenta che l'aiuto delle famiglie non basta. "Ci rivolgiamo a istituzioni, comune, regione, allo Stato per chiedere un sostegno effettivo perché per noi restituire un prestito non è semplice, non abbiamo capitali accantonati e le entrate mensili che otteremo alla riapertura non saranno sufficienti a coprire oltre ai costi di gestione anche un eventuale finanziamento".

Intanto, però, anche i nidi si danno da fare a distanza con letture, attività da fare a casa, soprattutto per stare accanto alle famiglie e ai bimbi. Elisa Caporali, educatrice e coordinatrice.

"Per stare vicino a loro e per stare bene anche noi, amiamo il nostro lavoro e i nostri bimbi e in questo modo ci sentiamo un pochino più vicini".

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, i nidi privati e convenzionati: rischiamo chiusura

Today è in caricamento