Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, in italia 1.640 nuovi positivi al 23 settembre 2020

I morti sono 20, 5 i nuovi ricoveri in terapia intensiva

 

Milano, 23 set. (askanews) - In Italia i nuovi positivi al coronavirus Sars-Cov2, al 23 settembre 2020 sono 1.640 su 103.696 tamponi processati, per un'incidenza dell'1,5% nel rapporto tra tamponi e nuovi contagi; 20 i morti, 995 i guariti.

Un dato sostanzialmente stabile rispetto ai giorni precedenti che, al di là di una normale fluttuazione quotidiana, indica che la curva epidemiologica è in lenta ma costante risalita e che la pandemia di Covid-19, come previsto, sta pian piano riprendendo vigore.

Tuttavia, mentre la situazione in Paesi europei vicini come Francia, Spagna e Gran Bretagna è piuttosto preoccupante - tanto da far ventilare l'ipotesi di nuovi lockdown generali - in Italia, anche per le misure di contenimento più rigide adottate finora, sembra essere tutto sotto un apparente controllo. Anche se, la "leggerezza" dei mesi estivi rischia di vanificare i sacrifici della primavera, come accade per esempio in Campania, un tempo virtuosa ma ora in testa alla classifica delle regioni con più casi.

Nessuna delle regioni italiane è al momento senza nuovi casi di positività al Sars-Cov2. In Campania, appunto, sono 248, 196 in Lombardia, 195 in Lazio.

Il coronavirus, quindi, sta circolando ancora tanto nel nostro Paese e l'incremento dei contagi lo testimonia. Inoltre aumentano anche i ricoveri, +54 e i ricorsi alle terapie intensive, +5 nelle ultime 24 ore e i sanitari lanciano l'allarme: vediamo i nostri reparti - dicono - che ricominciano a riempirsi di casi seri.

La paura è che con l'arrivo dei mesi freddi, con i normali "mali di stagione", si rischi un sovraffollamento, con difficoltà a distinguere i casi Covid dalle normali influenze. Motivo per cui si raccomanda il ricorso al vaccino anti-influenzale, specie per le categorie più a rischio.

Attualmente in Italia sono positive 46.114 persone, con un incremento di 625 rispetto al dato del 22 settembre.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento