Venerdì, 7 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, Inail: con seconda ondata boom contagi su lavoro

Il 66,1% dei contagi denunciati all Inail nell ultimo semestre

Roma, 23 apr. (askanews) - La "seconda ondata" di contagi da Cobvid-19, ha avuto un impatto, anche in ambito lavorativo, più intenso rispetto alla prima. Gli effetti infatti non sono terminati nel 2020 ma sono proseguiti anche nel 2021, soprattutto a gennaio e in misura più contenuta a febbraio e marzo. E' quanto emerge dal report nazionale sui contagi sul lavoro da Covid-19 elaborato dalla Consulenza statistico attuariale dell'Inail.

Con 109.487 contagi denunciati, il periodo ottobre 2020-marzo 2021 incide, infatti, per il 66,1% sul totale delle denunce di infortunio da Covid-19, più del doppio rispetto al trimestre marzo-maggio 2020 (30,6%).

Per i decessi, invece, è la "prima ondata" della pandemia ad avere avuto un impatto più significativo della seconda: il 62,8% dei casi mortali, infatti, è stato denunciato all Inail nel trimestre marzo-maggio 2020 contro il 34,8% del semestre ottobre 2020-marzo 2021.

L 82,8% dei morti sono uomini, ma la maggioranza dei contagi (69,3%) riguarda le donne. Tra le attività produttive, il settore della sanità e assistenza sociale è al primo posto con il 67,5% dei contagi denunciati. Segue l amministrazione pubblica con il 9,2% dei contagi.

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, Inail: con seconda ondata boom contagi su lavoro

Today è in caricamento