rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022

Coronavirus, Johnson prudente su lockdown ma attaccato dai media

Governo spaccato; premier sotto accusa per riunioni disertate

Londra, 20 apr. (askanews) - Sarà che essendoci passato, è più cauto, ma il premier britannico Boris Johnson si dimostra più prudente degli altri leader europei. Ancora convalescente dopo il ricovero in ospedale per il Covid-19, ha raccomandato prudenza ai ministri del suo Governo sull'allentamento del lockdown. E tuttavia la spaccatura in seno al gabinetto è più che evidente.

Michael Gove e Rishi Sunak sono tra quelli che discutono una riapertura più rapida, mentre Matt Hancock, segretario alla Salute, vuole schiacciare il virus prima che il blocco venga allentato. A scriverlo è il Financial Times, riferendo di un colloquio tra Johnson e i ministri senior nella residenza di campagna di Chequers, dove si trova il premier per riprendersi dal Covid 19.

Nel frattempo però il resto della stampa britannica descrive l'inquilino di Downing Street sotto pressione, accusato di aver abdicato alla gestione iniziale dell'epidemia, perché ossessionato dalla Brexit. Particolarmente veemente in questo senso nel week end, il Sunday Times. Proprio Gove ha confermato che Boris Johnson ha perso cinque incontri sul coronavirus, ma ha insistito sul fatto che la presenza del primo ministro non era richiesta.

Il 12 aprile Johnson aveva postato il suo messaggio di ringraziamento al servizio sanitario nazionale per avergli salvato la vita. Un ribaltamento della posizione all'inizio dell'allarme, quando sembrava convinto che il lockdown non servisse.

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, Johnson prudente su lockdown ma attaccato dai media

Today è in caricamento