Sabato, 10 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, la gestione dei rifiuti potenzialmente infetti

Testimonianza degli operatori sanitari dell'ospedale di Cremona

Cremona, 28 apr. (askanews) - Tra i problemi causati dalla pandemia di Covid-19 c'è anche quello dell'accumulo e il successivo smaltimento, di rifiuti speciali, potenzialmente infetti provenienti soprattutto dagli ospedali. Qui siamo a Cremona, uno dei focolai iniziali della pandemia in Italia e tuttora una delle zone del Paese più colpite dall'emergenza coronavirus, anche se gli ultimi dati parlano di una situazione in miglioramento.

Nel mese di marzo 2020, quando la pandemia è esplosa in tutta la sua drammaticità, la quantità di rifiuti sanitari potenzialmente infetti è triplicata rispetto al mese precedente e si è dovuto pensare a come smaltirli riducendo al minimo il rischio di contagio.

Lorenzo Cammelli, direttore scientifico dell'ospedale di Cremona

e Maria Rosaria Vino, responsabile della gestione dei rifiuti ospedalieri.

"Il rischio per gli operatori che si occupano dello smaltimento - ha spiegato Cammelli - non è diverso dal punto di vista qualitativo da quello che succedeva prima. Però abbiamo fatto formazione per gli operatori, sulla vestizione e svestizione. Chi si occupa del trasporto, invece, si trova il contenitore chiuso per cui non c'è un rischio aggiuntivo".

"Abbiamo avuto settimane in cui sono anche stati triplicati - ha aggiunto Maria Rosaria Vino - in media sono raddoppiati, adesso stanno cominciando a calare. Abbiamo chiesto alla ditta di intensificare i ritiri e non abbiamo avuto problemi con la ditta".

L'importante resta sempre esercitare la dovuta cautela nel maneggiare e preparare i contenitori dei rifiuti e le precauzioni - come hanno spiegato l'operatore Luciano Masseroni, e l'infermiere Omar Semiali - non sono mai troppe.

"Maneggiando i potenzialmente infetti e poi raccogliendo gli altri tipi di rifiuti che non si sa da che reparto arrivino - ha ammesso Masseroni- le precauzioni le dobbiamo prendere, sicuramente".

"L'importante è non riempirli troppo - ha aggiunto Semiali - altrimenti c'è il rischio che la chiusura non sia corretta. Abbiamo anche un'attenzione a una chiusura corretta".

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, la gestione dei rifiuti potenzialmente infetti

Today è in caricamento