Giovedì, 15 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, mea culpa di Macron: lockdown fino all'11 maggio

Poi in Francia lenta riapertura di attività economiche e scuole

Parigi, 14 apr. (askanews) - Ha ammesso che sono stati commessi degli errori e che il paese non era pronto ad affrontare la pandemia. Il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato alla nazione e ha annunciato l'estensione del blocco della Francia per combattere il coronavirus fino all'11 maggio.

"L'epidemia non è ancora sotto controllo, quindi dobbiamo continuare i nostri sforzi e continuare ad applicare le regole. Più sono rispettate, più vite saranno salvate. Ecco perché le restrizioni più rigorose deve continuare fino a lunedì 11 maggio".

"I luoghi di assembramento del pubblico, i ristoranti, i caffè e gli alberghi, i cinema, i teatri, le sale da concerto e i musei rimarranno chiusi in questa fase (11 maggio, ndr.). I grandi festival e gli eventi con un grande pubblico non potranno avere luogo prima di metà luglio".

Macron punta a ricominciare gradualmente a riaprire l'economia e le scuole dall'11 maggio come ha annunciato in un discorso televisivo pronunciato nella serata del 13 aprile. "Dall'11 maggio riapriremo progressivamente asili nido, scuole, collegi e licei. Questa è una priorità per me, perché la situazione attuale sta creando disuguaglianze; troppi bambini, soprattutto nei quartieri poveri, nelle nostre campagne sono privati della scuola senza avere accesso alla scuola e non possono essere aiutati nello stesso modo dai loro genitori".

L'annuncio è arrivato insieme con il primo aumento del bilancio delle vittime giornaliero da quattro giorni. Le vittime legate al virus sono aumentate di 574 unità a 14.967, secondo il ministero della salute. La crescita dei casi appena registrati ha rallentato, tuttavia, a 4.188 per un totale di 136.779.

"Eravamo preparati per questa crisi? Ovviamente, non abbastanza", ha detto Macron. "Ma abbiamo affrontato la situazione. In Francia come altrove, abbiamo dovuto gestire le emergenze, prendere decisioni difficili, basate su informazioni parziali che spesso cambiano, e adattarci sempre".

La Francia è il terzo paese più colpito in Europa, dopo l'Italia e la Spagna. E sulle frontiere, Macron è chiaro: "Fino a nuovo avviso, le nostre frontiere con i paesi extraeuropei rimarranno chiuse. In seguito, dispiegheremo tutti i mezzi necessari per proteggere la popolazione".

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, mea culpa di Macron: lockdown fino all'11 maggio

Today è in caricamento