Martedì, 13 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, medici in Puglia: "Nessuno ci ha dato le protezioni"

Delvecchio: "Non possiamo andare allo sbaraglio"

Roma, 28 apr. (askanews) - I medici di base non hanno potuto lavorare in condizioni adeguate, con dispositivi di protezione individuali; non è possibile andare allo sbaraglio. La denuncia arriva da Dino Delvecchio, presidente dell'Ordine dei Medici sezione Barletta-Andria-Trani, in questa intervista ad askanews: "Se c'è stato un errore è stato quello di non investire sul territorio, da subito. La centralità del territorio come forma di prevenzione avrebbe dovuto prevedere che i medici di medicina generale fossero forniti dei Dpi, questo ci avrebbe messo nelle condizioni di essere di maggiore aiuto della popolazione. Se avessimo avuto i dispositivi potevamo essere anche impegnati direttamente nell'approccio a questa epidemia.

"Il problema è che non potevamo, e non possiamo ancora, andare allo sbaraglio. Nella regione Puglia nessuno ci ha dato, ce li siamo comprati, con i nostri fondi. Senza questi dispositivi, non si può andare a casa del paziente. Rischiavamo noi di essere degli untori. Noi non ci siamo sottratti alle nostre responsabilità, noi vogliamo curare la gente, lo abbiamo chiesto a gran voce, ma non possiamo andare allo sbaraglio. Dovete metterci nella condizione di farlo. Altrimenti succede come nelle altre regioni, dove i medici hanno pagato a caro prezzo, senza protezioni adeguate".

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, medici in Puglia: "Nessuno ci ha dato le protezioni"

Today è in caricamento