Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, nuova impennata di casi in Italia: +402 al 6 agosto

Indice Rt nazionale superiore a 1, Speranza: vaccino a fine 2020

 

Milano, 7 ago. (askanews) - In lenta ma continua e costante risalita; la curva epidemiologica non lascia spazio a dubbi: in Italia i casi di positività al Covid-19 stanno nuovamente aumentando e suona come un campanello d'allarme il fatto che l'RT, l'indice d'infezione nazionale, sia tornato sopra la soglia limite di 1. Va precisato, tuttavia, che si registrano casi meno gravi rispetto a quelli della prima ondata e la maggior parte dei "nuovi positivi" sono asintomatici.

La situazione mostra una "tendenza in aumento: persiste una trasmissione diffusa del virus che, quando si verificano condizioni favorevoli, provoca focolai anche di dimensioni rilevanti", è la conferma della Cabina di Regia del Ministero della Salute.

Il ministro Speranza ha parlato di "fase di sostanziale stabilità" e di "cluster isolati" ribadendo l'importanza di un monitoraggio continuo e di mantenere comportamenti prudenti come l'uso delle mascherine, l'igiene delle mani e il distanziamento sociale in attesa di un vaccino che potrebbe già essere disponibile a fine 2020.

"L'Italia ha sottoscritto con Francia, Germania e Olanda - ha ricordato il ministro - l'Alleanza sui vaccini che ha rappresentato il motore dello sforzo sui vaccini della Commissione europea. Noi abbiamo sottoscritto un primo accordo molto importante con AstraZeneca che ci consentirà di avere un candidato vaccino, se dovesse superare tutte le prove, con le prime dosi entro la fine del 2020".

A incidere sul bilancio dei nuovi positivi italiani i cluster di Lombardia e Veneto. In particolare il terzo round di tamponi su migranti e operatori dell'ex Caserma "Serena" di Treviso ha permesso di individuare 244 casi di Covid-19 in totale.

Intanto la Fondazione Einaudi ha desecretato i verbali della Commissione tecnico scientifica sul Coronavirus ed è polemica per le mancate zone rosse di Alzano e Nembro, nel Bergamasco, richieste già il 3 marzo.

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento