rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023

Coronavirus, ospedale da campo alla Mecca per i possibili contagi

Coprifuoco di 5 giorni in Arabia Saudita per la fine del Ramadan

La Mecca, 13 mag. (askanews) - Un piccolo ospedale da campo è stato installato alla Mecca, in Arabia Saudita per fronteggiare un eventuale picco di contagi da coronavirus Sars-Cov2 durante la tradizionale festività dell'Eid al-Fitr, la fine del Ramadan e quindi del mese di digiuno sacro per i fedeli di religione islamica, prevista per il 23 maggio

2020.

L'ospedale realizzato all'interno di tensotrutture conta 100 posti ed è attrezzato per far fronte a ogni evenienza.

"C'è un laboratorio specializzato per eseguire i tamponi - ha spiegato Hamal al-Otaibi, portavoce del Ministero della Salute saudita - c'è poi una farmacia con tutto il necessario, uno scanner per misurare la temperatura e naturalmente una unità di terapia intensiva. Inoltre questo ospedale da campo è direttamente collegato con l'ospedale della Mecca per assicurare le cure dovute ai pazienti affetti da Covid-19".

L'Arabia Saudita per la fine del Ramandan imporrà un coprifuoco nazionale H24 durante i cinque giorni di festa per evitare possibili occasioni di contagio tra i fedeli.

Secondo i dati del ministero della Salute saudita, il numero di decessi per Covid-19 nel Paese è salito a 264 con circa 43mila casi confermati. Le autorità devono ancora annunciare se procederanno con l'Hajj del 2020 - previsto per fine luglio - ma

hanno esortato i musulmani a differire temporaneamente i preparativi per il pellegrinaggio annuale che nel 2019 ha portato alla Mecca circa 2 milioni e mezzo di fedeli.

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, ospedale da campo alla Mecca per i possibili contagi

Today è in caricamento