Mercoledì, 21 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, Palermo: GdF in prima linea contro caroprezzi di Dpi

Controlli delle Fiamme gialle anche su segnalazione dei cittadini

Milano, 14 mag. (askanews) - L'emergenza coronavirus ha messo le Forze dell'ordine di fronte a un aumento esponenziale di fenomeni d'illegalità come contraffazione e aumento ingiustificato dei prezzi al dettaglio.

Stavolta, però, a essere contraffatti non sono gli abiti o le borse griffate, bensì i dpi cioé i dispositivi di protezione individuale (mascherine e gel igienizzante fra tutti) con cui siamo chiamati a tutelarci dalla possibilità di contagio da coronavirus Sars-Cov2.

A Palermo la Guardia di Finanza, spesso su segnalazione degli stessi cottadini, esegue con ritmo pressoché giornaliero nuovi sequestri di dpi non a norma, importati o venduti illegalmente e che potrebbero non essere efficaci per combattere il virus e, soprattutto, rischiano di risultare addirittura nocivi per chi ne fa uso.

Il generale Antonio Nicola Quintavalle Cecere, del comando provinciale delle Fiamme gialle di Palermo.

"Noi abbiamo delle pattuglie sul territorio che operano 24 ore su 24 e in virtù di queste segnalazioni interveniamo prontamente per andare a verificare sia il prezzo applicato dall'esercizio commerciale ma anche tutta la filiera che può incidere in maniera impropria sul prezzo che il cittadino paga alla cassa".

Ad oggi in Sicilia risultano contagiate 1.854 persone di cui 215 ricoverati in ospedale; 1.249 sono le persone guarite e 263 quelle decedute.

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, Palermo: GdF in prima linea contro caroprezzi di Dpi

Today è in caricamento