Martedì, 22 Giugno 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, Ue in allarme: in alcuni Stati peggio che a marzo

La commissaria alla Salute invita a rafforzare misure

Milano, 24 set. (askanews) - L'Unione europea è preoccupata per l'aumento dei contagi fra gli Stati membri e ha invitato i governi a rafforzare le misure per contenere la diffusione del coronavirus. In alcuni Stati la situazione è peggiore di quando ci fu il picco a marzo, ha detto la commissaria per la salute Stella Kyriakides: "Mentre le persone positive sono più giovani in molti Stati membri e la mortalità rimane bassa rispetto a prima, cominciamo a vedere un aumento dei posti occupati nelle terapie intensive. Non possiamo abbassare la guardia. La crisi non è ancora alle nostre spalle."

I governi devono fare di più: "Dall'intensificazione dei test al tracciamento dei contatti più serrato, dal miglioramento della sorveglianza della salute pubblica a un migliore accesso ai dispositivi di protezione individuale e ai medicinali, garantendo una adeguata capacità di assistenza nelle terapie intensive, tutti gli Stati membri devono implementare le misure immediatamente e al momento giusto al primo segno di potenziali focolai".

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, Ue in allarme: in alcuni Stati peggio che a marzo

Today è in caricamento