rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021

Coronavirus, UGCons scende in campo contro le fake news

Mattei: Fondamentale fare rete con altre associazioni consumatori

Roma, 9 nov. (askanews) - Durante la pandemia da Covid-19 è aumentata in modo vertiginoso la proliferazione incontrollata di fake news. Per questo l'Unione Generale Consumatori (UGCons) è scesa in campo con l'obiettivo di tutelare il diritto dei cittadini ad essere informati. In occasione di un convegno l'UGCons ha presentato i risultati del rapporto su comunicazione, informazione e fake news durante la pandemia.

Dalla ricerca emerge che 6 cittadini laziali su 10 conoscono il significato del termine 'fake news'. L opinione pubblica del Lazio ha poi definito 'disorientante' (69,4%), 'confusiva' e 'ansiogena' la comunicazione ricevuta in merito alla pandemia.

Quasi la totalità degli intervistati (91,4%) ha ritenuto superficiale la comunicazione ricevuta dalle Istituzioni.

Il presidente di UGCons, Paolo Mattei, ha spiegato il senso dell'iniziativa: "Il primo messaggio che lanciamo è che, come abbiamo fatto oggi con Federconsumatori e le altre associazioni dei consumatori, nel Lazio stiamo cercando di fare rete perchè fare rete significa portare avanti una questione così importante come quella delle fake news all'interno di un contesto molto ampio, dove tutte le associazioni dei consumatori si fanno promotrici di iniziative come questa".

Il commissario Agcom, Laura Aria, ha sottolineato come i cittadini siano alla ricerca d'informazioni qualificate: "Ci ha colpito il fatto che i cittadini, comunque hanno continuato a privilegiare le fonti d'informazione tradizionali per informarsi e, in parte minoritaria, sono andati sui social. Ci ha colpito anche la consapevolezza che ha il cittadino di trovarsi di fronte a delle fake news. Quindi, evidentemente, vuol dire che il problema il cittadino lo percepisce e, in qualche modo, va a cercare comunque un'informazione certificata da siti istituzionali, da fonti autorevoli come gli editori, però la ricerca è quella di avere fonti qualificate. Quindi questo vuol dire che il cittadino è ben abituato in Italia".

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, UGCons scende in campo contro le fake news

Today è in caricamento