Lunedì, 19 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, Zaia: niente scampagnate o rimettiamo limiti

"Ancora 24 ore per valutare se rivedere l'ordinanza"

Roma, 14 apr. (askanews) - "I nostri comportamenti incidono sulla qualità della nostra salute e su quella degli altri, perché diffondiamo il contagio. Non posso vedere immagini dei parcheggi dei rifugi pieni di auto o sapere che il Soccorso alpino è dovuto intervenire per soccorrere persone in montagna. Aspetto ancora 24 ore altrimenti prenderò dei provvedimenti ma non è giusto che per qualcuno debbano pagare tutti i veneti".

Così il presidente del Veneto, Luca Zaia, nel consueto corso del punto stampa presso la Protezione Civile a Marghera.

"Non si va al mare e non si va in montagna - ha ribadito Zaia - facciamo tutti un sacrificio, le forze dell'ordine nel contestarci la distanza da casa e noi ad uscire, e in ogni caso la cosa migliore è restare a casa. Si esce solo in un raggio d'azione per cui si possa vedere ancora la propria abitazione. Ripeto: aspetto ancora 24 ore, se mi arrivano foto di chi pensa di fare scampagnate, dico che così non funziona. Se per caso ci viene la tentazione di fare più passi pensate ai bambini immunodepressi, ai bambini leucemici, agli oncologici che non sono solo anziani e pensate anche agli anziani che hanno diritto di vivere in salute e non devono pagare dazio perché qualche irresponsabile è riuscito a diventare il vettore del virus", ha concluso il governatore.

Si parla di

Video popolari

Coronavirus, Zaia: niente scampagnate o rimettiamo limiti

Today è in caricamento