Mercoledì, 21 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Corte Suprema: Procura NY può esaminare documenti fiscali Trump

Ma altrettanto non vale per il Congresso Usa

New York, 9 lug. (askanews) - La Corte Suprema degli Stati Uniti ha stabilito che il presidente Donald Trump deve mettere la propria documentazione patrimoniale e finanziaria a disposizione della procura di New York, ma non del Congresso.

Trump si era rifiutato di condividere questa documentazione - richiesta sia dalla Camera dei Rappresentanti che dalla Procura distrettuale di New York - relativa al suo patrimonio, sulla base dell'immunità di cui il presidente gode nelle sue funzioni e che i suoi legali ritengono totale.

Non è detto che ciò porti alla diffusione delle dichiarazioni fiscali di Trump già prima delle elezioni presidenziali di novembre.

Trump - che afferma di non aver commesso alcuna irregolarità - aveva definito l'inchiesta una "caccia alle streghe" e intendeva continuare a essere il primo presidente, dopo Richard Nixon (il cui mandato si chiuse inglorisamente con le dimissioni per evitare l'impeachment), a non rendere pubbliche le proprie dichiarazioni fiscali.

L'inchiesta della Procura si concentra in particolare sui presunti pagamenti per mantenere il silenzio erogati da Trump al suo ex legale Michael Cohen e a due donne: la ex pornostar Stormy Daniels e l'ex modella di Playboy Karen McDougal, che hanno dichiarato entrambe di aver avuto relazioni con Trump. Tali pagamenti violerebbero le legge sul finanziamento delle campagne elettorale.

Si parla di

Video popolari

Corte Suprema: Procura NY può esaminare documenti fiscali Trump

Today è in caricamento