Domenica, 18 Aprile 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid-19, Piovella (Soi): tamponi per i pazienti di oculistica

"È l'unico modo per convincere le persone a non trascurarsi"

Milano, 9 giu. (askanews) - "Non ci sono persone di serie A o di serie B, quindi se la Regione (Lombardia, ndr) ha imposto con un decreto che chi si opera in ospedale debba poter fare il tampone per la sua sicurezza e la sicurezza degli altri, non si può creare una discriminazione incredibile e irrecivibile di non dare la stessa opportunità anche a chi si opera al di fuori degli ospedali o del Sistema sanitario nazionale".

Matteo Piovella, presidente della Società Oftalmica Italiana (Soi), lancia un nuovo allarme sociale per proteggere i pazienti affetti da problemi agli occhi come maculopatia, cataratta,

glaucoma e che necessitano di urgenti interventi chirurgici. Il necessario lockdown dovuto alla pandemia di Covid-19 ha spinto molti di loro a restare a casa per evitare possibili occasioni di contagio. Ora però, ha spiegato, con le dovute cautele è tempo che riprendano

le cure per non andare incontro a conseguenze gravi per la loro vista, e l'unico modo per poterlo fare in sicurezza è poter eseguire il tampone naso-faringeo per accertare se si è

contagiati o meno dal coronavirus.

"L'obiettivo - ha precisato - è che in tutta Italia sia possibile fare questo. È incredibile come, una volta che è stato appurato, e lo ha dimostrato il Veneto, che i tamponi sono l'unico mezzo per identificare i pazienti potenzialmente contagiosi ma che non sono

sintomatici è ovvio che se non risolviamo questo problema non riusciremo mai neanche a contenere il virus perché permetteremo a persone contagiose di mischiarsi a persone perfettamente sane. È una follia. Ai pazienti voglio dare la garanzia che noi già attuiamo in tutti gli ambulatori oculistici tutta una serie di 'selezione dei pazienti' per cui chiediamo tutte le informazioni a salvaguardia di tutti, li informiamo che il personale è negativo e che il centro è stato sanificato e quindi non esiste alcuna opportunità di poter essere contagiati e questa è la prima cosa".

I pazienti più a rischio, sono chiaramente gli over 65, per i quali, ha concluso Piovella, è necessaria una maggiore forma di tutela, dei diritti e della salute.

"È il Centro che pagherà questa cosa - ha precisato - quindi non è un aggravio, però il metodo più rapido e meno discriminatorio nel caos di oggi è l'accesso libero, su richiesta del paziente, a un tampone da effettuarsi privatamente che ti libera da tutti i

vincoli, i lacci, i laccetti, le sciocchezze e la burocrazia di un sistema sanitario che non funziona per niente".

Si parla di

Video popolari

Covid-19, Piovella (Soi): tamponi per i pazienti di oculistica

Today è in caricamento