Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, Arcuri: nelle scuole 11 milioni di mascherine al giorno

"In corso gara per banchi, se non arrivano troveremo alternativa"

 

Roma, 29 lug. (askanews) - La riapertura in sicurezza delle scuole a settembre è un presupposto importante perché la nostra società tutta possa recuperare accettabili livelli di normalità che in questa emergenza ha dovuto accantonare" ha detto il Commissario straordinario per l'emergenza Covid-19, Domenico Arcuri, in commissione alla Camera parlando dell'avvio dell'anno scolastico il 14 settembre.

"I miei uffici hanno predisposto la distribuzione gratuita giornaliera di 11 milioni di mascherine chirurgiche che verranno destinate agli oltre 40 mila plessi scolastici. Le mascherine saranno distribuite sul territorio che potranno così essere utilizzate dal personale docente non docente e dagli studenti. Invieremo anche alcune quantità di gel igienizzante, sempre a titolo gratuito, che verranno distribuite nella totalità delle scuole distribuite sul nostro territorio".

Arcuri ha detto anche che si è conclusa la gara pubblica europea per 2 milioni di test sierologici rapidi per eseguire la campagna di screening raccomandata dal comitato tecnico scientifico tra personlae docente e non. Per quanto riguarda, invece, i banchi monoposto, i territori hanno chiesto 2 milioni 19mila e 230 banchi tradizionali ec44.445 banchi innovativi - ha chiarito il commissario - è in corso la gara europea: il 5 agosto è il termine ultimo per la presentazione delle offerte. I banchi andranno consegnati entro l'8 settembre, al massimo il 12 per l'avvio dell'anno scolastico. E qualora non si riuscisse a rispondere alla domanda,

"Abbiamo chiesto al mercato in modo pubblico e trasparente e formulato una domanda, aspettiamo la risposta del mercato,: se non sarà soddisfacente ne prenderemo atto, consapevoli di aver fatto tutto il possibile e stabiliremo opzioni alternative, auspicando di non trovarci in questa situazione, tra cui certamente ci sarà la possibilità di restituire o affiancare i soggetti locali in una successiva ricerca".

Potrebbe Interessarti

Torna su
Today è in caricamento