Giovedì, 4 Marzo 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, Arcuri: non siamo in ritardo con i vaccini. Ecco il piano

"Contiamo di somministrare 2 dosi a 1,8 mln entro prossimo mese"

Roma, 5 gen. (askanews) - Polemiche sui vaccini e sui ritardi nella somministrazione in Italia così come nel resto del mondo, tranne poche eccezioni. Ma in un lettera al "Corriere della Sera", il commissario per l'emergenza sanitaria, Domenico Arcuri, rassicura sul fatto che il nostro Paese non è in ritardo e spiega il piano delle vaccinazioni.

Dal 27 dicembre, dice Arcuri, "il primo stock è arrivato 5 giorni fa e in poche ore i vaccini sono stati consegnati ai 293 punti di somministrazione preposti sul territorio. La vaccinazione spetta poi alle Regioni". Le prime categorie da vaccinare sono state individuate nel personale sanitario e sociosanitario dei presidi ospedalieri, con l'obiettivo di far diventare Covid-free gli ospedali, e nel personale e negli ospiti delle Rsa. "Un milione e 800 mila persone in tutto a cui - sottolinea il commissario - contiamo di somministrare entrambe le dosi entro il prossimo mese".

A febbraio toccherà alla persone con più di 80 anni, oltre 4 milioni. Poi alle persone dai 60 agli 80 anni, alle forze dell'ordine, gli insegnanti e il personale scolastico, i fornitori di servizi pubblici essenziali, gli operatori del trasporto pubblico locale, il personale carcerario e i detenuti. Poi, il resto della popolazione.

Serviranno milioni di dosi, fino a 120 per tutti gli italiani. Quando ci saranno, sarà avviata la campagna di vaccinazione di massa, che Arcuri spera di concludere in autunno.

E sulle polemiche per le differenze tra Regioni, alcune hanno usato il 50% delle dosi ricevute, altre il 3, il commissario taglia corto. "Sono passati pochi giorni, è presto e sarebbe strumentale fare già consuntivi". "Sono certo che ci sarà spirito di collaborazione che porterà ad azzerare queste asimmetrie". Altrimenti dice, sono pronto a denunciarlo. Intanto si attende per domani il via libera al vaccino Moderna da parte dell'Ema.

Si parla di

Video popolari

Covid, Arcuri: non siamo in ritardo con i vaccini. Ecco il piano

Today è in caricamento