Giovedì, 25 Febbraio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Covid, Gimbe: cala effetto restrizioni e incertezza dosi vaccino

Cartabellotta: indispensabile rivalutare piano gestione pandemia

Roma, 23 dic. (askanews) - Leggero rallentamento nella crescita di nuovi casi di Covid-19 e meno pressione sugli ospedali, sebbene i ricoveri in area medica e le terapie intensive restino sopra la soglia di saturazione rispettivamente in nove e otto Regioni. Lieve calo dei morti, -13,7% (3.985 vs 4.617), ma il numero è ancora molto elevato e sfiora i 4.000.

Sono i dati del monitoraggio indipendente di Fondazione Gimbe che fotografano la situazione del coronavirus in Italia nella settimana dal 16 al 22 dicembre rispetto a quella precedente.

"I dati di questa settimana - ha dichiarato Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe - confermano che la frenata del contagio è sempre meno evidente. Se le situazioni regionali sono eterogenee, in generale però, le misure di contenimento introdotte con il Dpcm del 3 novembre stanno esaurendo i loro effetti".

"Al di là del potenziamento delle misure restrittive per Natale - continua Cartabellotta - l'evoluzione della pandemia nel nostro Paese dipenderà dall'avvio della campagna vaccinale e dalla diffusione della variante UK, recentemente isolata. Il piano del Ministero della Salute riporta oltre 202 milioni di dosi potenzialmente disponibili (pari a 101 milioni di cicli vaccinali completi). Tuttavia, bisognerà attendere. Le dosi certe sono poco più di 10 milioni entro marzo 2021 e 22,8 milioni entro giugno 2021: quelle del vaccino Pfizer-BioNTech e quelle di Moderna che dovrebbe avere il via libera il prossimo 6 gennaio. I vaccini di AstraZeneca e Johnson & Johnson sono in fase di rolling review (revisione ciclica), Sanofi-GSK ha già comunicato lo slittamento della consegna delle dosi al 2022".

Sulla variante inglese, poi, non è possibile trarre ancora conclusioni definitive, ricorda Gimbe; sulla validità del vaccino, Pfizer-BionTech e Moderna hanno annunciato una valutazione che richiederà circa 2 settimane.

"Considerato che le risposte a questi interrogativi non arriveranno tutte in tempi brevi - conclude Cartabellotta - occorre rivalutare complessivamente il piano di gestione pandemica, rafforzando ulteriormente le misure di contenimento dell epidemia, incluso il tracciamento dei casi positivi alla nuova variante".

Si parla di

Video popolari

Covid, Gimbe: cala effetto restrizioni e incertezza dosi vaccino

Today è in caricamento